logo USB
pubblicato il 13 novembre, 2017

DOPO OTTO ANNI DI BLOCCO, SERVE  PIU’  UN  BUON CONTRATTO  CHE UN CONTRATTO VELOCE

Si è aperto giovedì 9 il tavolo all’ARAN per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del neonato comparto Istruzione e Ricerca, che racchiude i settori Scuola, Università, Ricerca e AFAM.

Dopo l’illustrazione da parte del Presidente dell’atto di indirizzo, sia sulla parte generale che sulla parte dei singoli settori, è stata la volta degli interventi delle Organizzazioni Sindacali presenti.

USB ha rappresentato la propria posizione già espressa al tavolo confederale e a quello della Funzioni Centrali, dove stanno trattando materie di carattere generale comuni a tutto il pubblico impiego e da cui arrivano segnali non positivi.

» Leggi tutto l´articolo »

pubblicato il 28 ottobre, 2017

NON PUO’ CHE ESSERE SCIOPERO GENERALE 
10 NOVEMBRE 2017

IL GOVERNO GENTILONI/RENZI  E  L’UNIONE  EUROPEA  CERCANO  DI CONVINCERCI CHE  LA  CRISI  ECONOMICA  È FINITA, CHE  C’È  LA  RIPRESA  E  CHE  DA  ORA  IN  POI  LA   STRADA  SARÀ  IN  DISCESA.        MA PER CHI?

pubblicato il 27 ottobre, 2017

SLITTANO I TERMINI DI PRESCRIZIONE PER I CONTRIBUTI PENSIONISTICI

Diffondiamo un comunicato di USB Pubblico Impiego che da notizia di sviluppi relativamente positivi nella complessa questione dei termini di prescrizione dei contributi previdenziali  che interessa un’ampia fascia di categorie di pubblici dipendenti, tra cui i dipendenti universitari.

La reazione  dei lavoratori, innescata dall’iniziativa del nostro sindacato che ha diffuso nei posti di lavoro la “novità” dell’applicazione della prescrizione quinquennale (già in uso nel privato), oltre ad aver risvegliato gli altri sindacati, ha obbligato l’INPS a posticipare di un anno l’avvio dei termini di prescrizione.

» Leggi tutto l´articolo »

pubblicato il 19 ottobre, 2017
Si segnala l'intervento di Alessandra Ciattini "La finta scoperta della
corruzione universitaria" su La Citta' futura.

Corruzione universitaria: la scoperta dell’acqua calda.

Dopo il chiassoso ed inutile battage suscitato dallo sciopero dei docenti universitari – una categoria che non sciopera mai, ligia ai suoi doveri verso lo Stato – ecco un nuovo clamore stimolato dalla denuncia di un ricercatore che sarebbe stato invitato a ritirarsi da un concorso per cedere il passo a un suo collega più vicino ai commissari. Concorso nel quale sarebbe coinvolto anche un ex-ministro. Si potrebbe dire anche in questo caso “tanto rumore per nulla”, giacché tutti sanno, anche fuori del mondo universitario, che il criterio che regge il reclutamento e quello del passaggio da un livello all’altro della carriera universitaria è quello della cooptazione personale. D’altra parte, – ciò viene taciuto – si tratta di meccanismi estesi a tutte le istituzioni in una società capitalistica e non è soltanto un vizio italiano; affermazione con cui si vuole ribadire che il sistema in sé funziona, sono gli italiani che cercano sempre di fare i furbi.
Così, “l’America” sarebbe il luogo in cui la meritocrazia effettivamente è rispettata, dove se tu vali, se sei “talentuoso” hai successo e fai carriera. Tale mito è così radicato che ci sono ancora quelli che, nonostante tutto, parlano di “sogno americano” e chiamano gli emigrati deportati da Obama e che saranno scacciati da Trump dreamers.

Continua la lettura:  https://www.lacittafutura.it/scuola-e-universita/la-finta-scoperta-della-corruzione-universitaria.html