logo USB
pubblicato il 27 Gennaio, 2021

Ministro lo smart working #PagaceloTu:
venerdì 29 gennaio presidio USB alla Funzione Pubblica

 

Mentre le Amministrazioni si affannavano a mettere a punto i Pola (Piano organizzativo del lavoro agile) con scadenza 31 gennaio, il Governo finalmente si è reso conto di come questa scadenza stridesse con il prolungamento del piano di emergenza e con l’assenza di un quadro normativo nel quale definire i Pola delle singole amministrazioni.

La proroga al 31 marzo per i Pola risolve, almeno per ora, il problema dello stato di emergenza, mentre resta pesante come un macigno il secondo. Infatti l’assenza di paletti che fissino dei principi uguali per tutti nel Pubblico impiego sta scatenando nelle varie amministrazioni le più sfrenate fantasie contro le lavoratricie e i lavoratori, arrivando addirittura a negare istituti contrattuali stabiliti dai CCNL di comparto.

» Leggi tutto l´articolo »

pubblicato il 15 Gennaio, 2021

Ma quale trasparenza e correttezza amministrativa! USB chiede la riformulazione delle graduatorie PEO (Progressioni Economiche Orizzontali) 

 

Al Commissario Straordinario
Dott.ssa Tiziana Frittelli

Al Direttore Gestione e Sviluppo Risorse Umane
Dott.ssa Eleonora Alimenti

protocollo@ptvonline.postecert.it

 

Oggetto: graduatorie ed elenchi  pubblicati  in data 04.01.2021 relative alla selezione  del
personale  appartenente ai ruoli dell ‘AOU  PTV per il 
riconoscimento  di una fascia
retributiva superiore

             

In riferimento all’individuazione del personale al quale è stato riconosciuto il passaggio alla fascia retributiva superiore, a seguito di selezione interna per titoli, questa O.S. segnala incongruenze riscontrate nella formulazione delle graduatorie e degli “elenchi” che si sarebbero dovuti predisporre in base alla “qualifica” di appartenenza. Criterio previsto dall’accordo sindacale  e ripreso nella deliberazione di approvazione delle stesse graduatorie.

» Leggi tutto l´articolo »

pubblicato il 22 Dicembre, 2020

Care colleghe e colleghi,

 per il primo pomeriggio di domani, ultimo giorno prima della chiusura dell’Ateneo, la delegazione sindacale è stata convocata dall’ Amministrazione per “Comunicazioni” e per il “Contratto integrativo 2020”.

Eppure nel corso del 2020 in alcuni incontri,  l’Amministrazione aveva illustrato le sue intenzioni,  senza però concludere un accordo formale.

Si è parlato di Regolamento per lo Smart Working, di un rimborso spesa per chi lavora (a proprie spese) in smart, di un nuovo bando PEO entro il 2020 per gli esclusi alla precedente tornata, di revisione delle indennità di disagio e di responsabilità, di iniziative a favore del personale con i notevoli risparmi accumulati per la mancata erogazione dei ticket, degli straordinari e di varie indennità, dei rimborsi previsti con i fondi dei servizi sociali, della quota 2020 del Fondo Comune di Ateneo (i cosiddetti “arretrati  delle PEO del 2019).

Lunghi silenzi…

» Leggi tutto l´articolo »

pubblicato il 18 Novembre, 2020

Condividiamo la necessità che l’Università riprenda l’operatività di tutti gli uffici alle esigenze degli studenti, ma Lavoro e Tutela della Salute non sono diritti costituzionali in contrapposizione, né catalogabili come “privilegi”. Neppure per i dipendenti pubblici…!

Abbiamo replicato con una seconda nota alla (non) risposta del Direttore Generale in merito alla richiesta di idonei e tempestivi interventi operativi per la prevenzione dei contagi.

Nel frattempo – per la prima volta – gli RLS hanno ricevuto dal responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione una convocazione per un incontro che si è tenuto venerdì mattina 20 novembre, per “aggiornamenti sulle attività svolte a tutela dei lavoratori”.

USB risponde al Direttore Generale:

E’  con una certa delusione che constatiamo come non sia stato colto l’intento collaborativo che ci ha motivato nel segnalare alcune difficoltà di gestione della situazione derivante dalla pandemia.

Dal tenore della risposta del Dr. Colpani, in verità, abbiamo avuto il dubbio che il nostro intervento fosse stato scambiato per un attacco contro qualcuno.
Preferiamo, tuttavia, non essere distratti per rimanere sul tema che ci preme e per cui abbiamo chiesto un nuovo incontro. Ma pazienza… continueremo a scrivere.

» Leggi tutto l´articolo »