logo USB

In questi ultimi tempi si registra una certa corrispondenza tra i comunicati delle organizzazioni sindacali in trattativa presso l’ARAN per il rinnovo del contratto nazionale e presso le sedi universitarie per la chiusura degli accordi integrativi.                
In entrambi i contesti si percepisce un senso di trionfalismo e soddisfazione che, purtroppo, non trova riscontro in un reale e strutturale miglioramento delle condizioni retributive del personale universitario.

A Tor Vergata, ad esempio, si reclamizza l’interessante proposta di fine anno volta a utilizzare come welfare fondi già destinati al personale (Fondo Comune di Ateneo), puntando sullo sgravio fiscale previsto dalle recenti misure governative per l’erogazione di benefit ai dipendenti (limite incrementato per il 2022 fino a 600 euro e poi fino a 3.000 euro). Ricordiamo che  il personale è tuttora in attesa di poter utilizzare i risparmi del 2020, secondo il limite ordinario di circa 250 euro.   
Peccato che la proposta, avanzata da una sigla sindacale nell’ultimo incontro sindacale, tecnicamente non possa essere realizzata, poiché la misura governativa non sembra sia stata rinnovata nella proposta di legge di bilancio per il prossimo anno e ci auguriamo, ovviamente, che la discussione in Parlamento possa modificare la situazione.
Dunque, si sono intrecciate discussioni di merito e opportunità sul nulla, dimenticando di richiedere dei risparmi del 2021, ossia dei risparmi conseguiti su risorse già stanziate per il personale. 
Soprattutto, non si chiede la disponibilità di risorse aggiuntive che, almeno, nei posti di lavoro potrebbero aiutare il personale TAB ad affrontare in condizioni migliori l’aumento del costo della vita, perché gli stipendi del personale universitario sono tra i più bassi del pubblico impiego e non è possibile più ignorarlo!

USB ha proclamato lo sciopero generale per il 2 dicembre e ha organizzato una manifestazione di protesta per sabato 3 dicembre: alziamo la testa e cogliamo l’occasione offerta dal sindacalismo di base per manifestare il  dissenso alle politiche governative.  

SE LA GUERRA E’ ANCHE AI NOSTRI SALARI…. 2 DICEMBRE SCIOPERO GENERALE

È vero che di questi tempi un paio di migliaia di euro che arrivano tutti in una volta fanno tirare più di un sospiro di sollievo a tante famiglie di lavoratori pubblici.   
Occorre, però, raccontare cosa c’è di reale dietro i trionfalistici comunicati, e tabelle allegate con gli incrementi stipendiali e arretrati, che i sindacati firmatari hanno diffuso dopo la firma dell’accordo dell’11 novembre sul trattamento economico del personale del comparto Istruzione e Ricerca.

Stiamo parlando del triennio 2019-2021 e qui i numeri parlano da soli: questi sono soldi che dovevano essere nostri anni fa e non certo spacciati per un generoso regalo “anticipato”.          
Un perfetto ossimoro tra incrementi anticipati e calcoli degli arretrati al 31.12.2022.  



» Leggi tutto l´articolo »

Ieri sera è circolata la notizia: entro dicembre saranno erogati gli arretrati del rinnovo contrattuale dei lavoratori del compartone Istruzione e Ricerca.

Per stoppare, a nostro avviso, quello che si preannunciava come una stagione calda di contestazione al Governo, ecco la distribuzione del contentino.

Dobbiamo constatare, innanzitutto, che questo “anticipo” (che poi sarebbe un “posticipo” dato che il rinnovo del CCNL è ampiamente scaduto) verrà propagandato come un “venire incontro ai lavoratori“, dopo che è stato smantellato l’intero impianto salariale, calmierando gli adeguamenti stipendiali in base a un costo della vita non reale.

Aumenti miseri che non riescono a recuperare quanto si è perso dal blocco contrattuale imposto da Brunetta nel 2009, ma accompagnati dal pagamento degli arretrati entro Natale per ridurre l’insoddisfazione dei lavoratori e soprattutto salvare il consumismo natalizio agevolato dall’innalzamento del tetto al contante.

L’accordo politico fatto in tutta fretta ieri 10 novembre per rinnovare la parte salariale fissa non aggiunge risorse, se non per la Scuola, e si limita a distribuire quelle che erano già state indicate.

» Leggi tutto l´articolo »

pubblicato il 27 Ottobre, 2022

Se il buongiorno si vede dal mattino …

USB PI-Università condanna fermamente i gravi avvenimenti accaduti alla Sapienza ai danni degli studenti raccolti davanti la Facoltà di Scienze Politiche per esprimere il dissenso a un evento promosso da una organizzazione giovanile di destra.

Ritiene inaccettabile l’intervento violento della polizia che negli spazi universitari ha cercato di allontanare a forza di manganellate i partecipanti al presidio ed esprimiamo la nostra solidarietà alle studentesse e agli studenti coinvolti.      
Per oggi giovedì 27, gli studenti ed altre realtà presenti al presidio hanno indetto un’assemblea pubblica, alle ore 17:00 davanti la Facoltà di Scienze Politiche, per discutere dei fatti accaduti.

USB ritiene che questi avvenimenti non possano e non debbano essere archiviati come occasionali, ma vanno interpretati come un segnale pericoloso su cui va fatta massima chiarezza.

» Leggi tutto l´articolo »

pubblicato il 24 Ottobre, 2022

 

IL 26 OTTOBRE NO CARO VITA DAY   PER I DIPENDENTI PUBBLICI

 

Dopo le riuscite giornate di protesta del 3 ottobre  e del 12 ottobre contro il carovita, gli aumenti delle bollette e le speculazioni sull’energia, USB Pubblico Impiego lancia una campagna per i dipendenti pubblici.
La giornata di mobilitazione nazionale contro il carovita, in programma per mercoledì 26 ottobre, sarà l’occasione per presentare le 5 proposte salariali urgenti con cui si intende risollevare le condizioni economiche dei dipendenti pubblici in un periodo caratterizzato dal carovita galoppante.   
Una giornata di protesta che vede coinvolto in particolare il personale dell’Università, ulteriormente penalizzato per il livello retributivo più basso tra i pubblici dipendenti:

» Leggi tutto l´articolo »